Gli Impianti Tecnologici trainano la ripresa. Sostenibilità, Digitalizzazione e Automazione, la sfida

Il Settore degli Impianti Tecnologici sarà fondamentale per il rilancio della nostra economia.

Lo dice il 6° Rapporto Cresme che, dopo il calo generalizzato causato l’anno scorso dall’emergenza Covid-19, prevede una netta ripresa nel 2021 e nel 2022. Stiamo parlando di una filiera dell’impiantistica che, cumulando i fatturati di produttori, distributori e installatori (esclusi i prodotti elettrici), vale nel nostro Paese 77 miliardi di euro e coinvolge circa 410mila addetti.

Quindi, se il 2020 ha visto un calo, gli indicatori prevedono che i prossimi due anni segneranno la ripresa del settore, con l’Italia che si conferma secondo mercato impiantistico in Europa. Il trend sarà sostenuto dalla ripresa dell’edilizia pubblica e privata, visto che gli investimenti in opere pubbliche sono attesi in crescita nel corso di tutto il quinquennio 2021-2025. Nello specifico, quest’anno gli investimenti in costruzioni pubbliche cresceranno del 7,5% e l’anno prossimo del 4,5% (dati Cresme).

All’intero settore, adesso, è richiesto un salto qualitativo. La crisi pandemica ha accelerato trasformazioni in atto, introducendo più marcatamente i temi della sostenibilità, della digitalizzazione e dell’automazione. Riguarderanno, ad esempio, la progettazione delle città, dei sistemi e delle strutture logistiche che si sono rivelate fondamentali in quest’ultimo anno, delle scuole, delle imprese e anche delle RSA.

Sinectra è specializzata nella realizzazione di impianti tecnologici complessi in ognuna di queste strutture. Crea e installa sistemi ad alta tecnologia integrata, con modelli di supervisione e controllo tecnologicamente avanzati. Ogni unità operativa di Sinectra, nel Settore Elettrico, Meccanico e della Sicurezza, crea progetti ad alta innovazione.

Perché gli impianti contano, ma chi li pensa e li realizza ancora di più.

Iscriviti alla Newsletter

Facebook