Transizione energetica e green economy sono il futuro delle imprese italiane

Transizione energetica e green economy sono il futuro delle imprese italiane

La transazione energetica è la scommessa che le aziende, comprese le piccole medie imprese, devono vincere per riuscire a superare questo momento difficile. Il futuro dell’impresa infatti, è caratterizzato da un cambio di rotta che vede la realizzazione di un processo di conversione alle fonti rinnovabili al posto di quelle non rinnovabili abbinato ad una transazione di tipo digitale. Nel nostro Paese il ruolo delle PMI è strategico perché sono diffuse in maniera capillare su tutto il territorio nazionale e perché i piccoli imprenditori possono fare la differenza adottando iniziative e politiche legate alla green economy.

I temi legati alla sostenibilità sono diventati estremamente sentiti dai cittadini italiani, soprattutto in riferimento al risparmio energetico. Secondo lo studio “Sistemi energetici a confronto” realizzato dal Centro Studi CNA nel 2019, il contributo delle PMI è stato cruciale per raggiungere gli obiettivi fissati da norme nazionali e accordi internazionali. Infatti, sono le piccole imprese che si stanno impegnando sempre di più sia nell’autoproduzione di energia grazie a fonti rinnovabili, sia nella creazione di un’offerta migliore su installazione e manutenzione di impianti FER (Fonti Energie Rinnovabili). Secondo il Rapporto GSE (Gestore dei servizi Energetici) in riferimento ai dati del 2018 la produzione verde italiana ha coperto il 17,8% dei consumi finali e quasi il 40% dell’elettricità è verde.

Le fonti rinnovabili, la green economy e la transazione digitale sono il futuro prossimo delle aziende: anche il piano Industria 4.0, a seguito di questa grande pandemia, dovrà tenere conto di questi aspetti.

Iscriviti alla Newsletter

Facebook